martedì 21 agosto 2012

Audizioni Orchestra della Franciacorta


Il 2012 regala una importante novità alla FRANCIACORTA, un progetto nato nel segno del dialogo e della valorizzazione dei giovani artisti

Alla base, l’idea forte ed innovativa dei membri fondatori di costituire un’orchestra filarmonica che possa accogliere al suo interno giovani strumentisti e strumentisti con esperienze e competenze già acquisite.
In questo quadro generale la pratica della musica d’insieme si pone come strumento metodologico privilegiato.

link del bando:
lind del form per iscriversi alle audizioni
per informazioni
m° Emiliano Facchinetti
+39 340.3910780
 
CHI PUÒ PARTECIPARE
 
Tutti gli strumentisti professionisti diplomati e studenti che abbiano studiato uno strumento musicale tra quelli inclusi, da almeno 3 anni o, se per un tempo inferiore, che siano comunque in grado di suonare le parti proposte. Sono ammessi anche gli allievi o ex allievi dei conservatori, delle scuole medie ad indirizzo musicale, licei musicali, scuole musicali private e istituti musicali pareggiati.
 
Candidati di età inferiore ai 18 anni verranno presi in considerazione solo in via eccezionale.
 
 
ELENCO STRUMENTI AMMESSI
 
Violino, Viola, Violoncello, Contrabbasso, Flauto e Ottavino, Oboe e Corno Inglese, Fagotto, Clarinetto, Corno, Tromba, Trombone, Basso tuba, Arpa, Percussioni, Pianoforte.
 
Altri strumenti potranno comunque proporre la propria candidatura ed essere tenuti in considerazione non quali membri stabili dell’orchestra, ma per eventi e concerti speciali.
 
 
COME SI PARTECIPA
 
Compilare il modulo di partecipazione e spedirlo a uno dei seguenti indirizzi entro e non oltre il 29/09/2012
 
Spedizione mail: orchestradellafranciacorta@gmail.com
Informazioni Tel/ 340.3910780 oppure 380.1956005
 
oppure compilarlo via telematica (scelta consigliata) al seguente link
 
 
AUDIZIONI
 
Si tengono presso una location in Franciacorta (Provincia di Brescia) che verrà comunicata dopo l'invio della mail di candidatura. I candidati, se minorenni, dovranno presentarsi accompagnati da uno dei genitori o da un adulto munito di documento di riconoscimento in corso di validità e di delega scritta da parte dei genitori o da esercenti la patria potestà con allegata copia di documento di riconoscimento dei medesimi.
 
La commissione giudicante sarà presieduta dal direttore d’orchestra, affiancato dai tutor musicali per ciascuna sezione musicale.
 
Successivamente verranno comunicati ai candidati i risultati delle selezioni con indicazione della relativa idoneità o non idoneità all’Orchestra Filarmonica della Franciacorta. I candidati verranno contattati per avviare le pratiche di iscrizione. Il giudizio della commissione è insindacabile.
 
 
PROGRAMMI
 
Orchestra: Ogni candidato potrà presentare un programma a libera scelta di durata inferiore ai 10 minuti.
La commissione avrà facoltà di interrompere l’esecuzione in qualsiasi momento, o di riascoltarla successivamente.
Al momento dell’audizione, può essere richiesta ai candidati una copia dello spartito che intendono eseguire.
Verranno indicati, sempre sul sito, i passi orchestrali che lo strumentista

I passi orchestrali sono obbligatori ai fini dell'audizione solo per i diplomati in strumento, facoltativi per i diplomandi.
Il candidato per strumento dovrà presentare TRE passi orchestrali a scelta tra quelli presenti nel file, da sottoporre alla commissione.
Il candidato per SPALLA dei primi violini, oltre ai TRE passi orchestrali per violino, dovrà presentare DUE passi orchestrali per violino solo, a scelta tra quelli presenti nel relativo file.


 
Potrà altresì essere richiesto ai candidati di leggere una parte a prima vista.
Per la categoria PIANOFORTE, il candidato verrà sottoposto, oltre al programma già sopra indicato, a:
- Prova di lettura a prima vista di un brano di repertorio pianistico
- Esecuzione di vocalizzo per voce e pianoforte, del quale il candidato dovrà suonare la parte pianistica e vocalizzare la parte cantata, o di parte di recitativo e incipit di aria.
- Lettura estemporanea di partitura. (Queste ultime due prove solo per diplomati)
 
 
AMMISSIONI
 
A seconda del grado di preparazione stabilito durante l’audizione, i musicisti ammessi potranno essere inseriti nei seguenti livelli:
· Liv. A: Orchestrale di prima fila, ammesso alle prove, ai concerti ordinari e ai concerti straordinari.
· Liv. B: Orchestrale di seconda fila, ammesso alle prove e ai concerti ordinari. Parteciperà ai concerti straordinari a discrezione del Direttore Musicale.
· Liv. C: Orchestrale di rinforzo (con parti semplificate). Parteciperà ai concerti a discrezione del Direttore d’orchestra.
· Liv. D: Orchestrale ammesso alle prove di sezione, in attesa di avanzamento di livello per partecipare alle prove orchestrali e ai concerti. NB Il livello D non è una punizione o un attestato di disistima, ma un’importante occasione, in attesa di essere in grado di esibirsi, di poter comunque lavorare al fianco di musicisti più esperti.
  

giovedì 10 maggio 2012

Edizioni Curci presentano il manuale Che lavoro fai? Il violinista. Sì, ma di lavoro…?

Le Edizioni Curci presentano il manuale Che lavoro fai? Il violinista. Sì, ma di lavoro…? di Antonio Bonacchi: un libro indispensabile per gli strumentisti di tutti i livelli (studenti, professionisti, amatori), ma godibile anche dal vasto pubblico degli appassionati. La guida mette a disposizione del lettore una quantità di utili informazioni sulla storia, la costruzione, l’accordatura e la manutenzione del violino e dei suoi accessori. Con molti suggerimenti pratici, come l’abbigliamento più adatto per ogni genere di concerto o la scelta del bis. In chiusura un’appendice esilarante con le migliori barzellette sui violinisti (ma anche su violisti, direttori d’orchestra, soprani…). Se vivere di musica oggi più che mai è una dura lotta, il manuale di Bonacchi insegna come affrontarla al meglio: con una solida conoscenza dello strumento, una buona dose di trucchi del mestiere e, possibilmente, con il sorriso sulle labbra. Come è fatto un archetto, come si montano le corde, come si applica la cera. Ma anche che cosa chiedere a un liutaio, come preparare un curriculum, come affrontare un concorso o una prova d’orchestra. Tutto quello che c’è da sapere sul più diabolico degli strumenti è nel manuale Che lavoro fai? IL VIOLINISTA. Sì, ma di lavoro…? di Antonio Bonacchi (Edizioni Curci): un libro indispensabile per gli strumentisti di tutti i livelli (studenti, professionisti, amatori), ma godibile anche dal vasto pubblico degli appassionati. Scritto con accattivante prosa narrativa sul filo dell’ironia, questa guida mette a disposizione del lettore una quantità di utili informazioni sulla storia, la costruzione, l’accordatura e la manutenzione del violino e dei suoi accessori. Ampio spazio è dedicato anche ai suggerimenti pratici: dall’abbigliamento più adatto per ogni genere di concerto alle malattie professionali, dagli accorgimenti per il trasporto fino alla scelta del bis o dell’assicurazione. In chiusura, un’appendice esilarante con le migliori barzellette sui violinisti (ma anche su violisti, direttori d’orchestra, soprani…). Se vivere di musica oggi più che mai è una dura lotta, il manuale di Bonacchi insegna dunque come affrontarla al meglio: con una solida conoscenza dello strumento, una buona dose di trucchi del mestiere e, possibilmente, con il sorriso sulle labbra. Che lavoro fai? IL VIOLINISTA. Sì, ma di lavoro…? AUTORE: ANTONIO BONACCHI – NDIZIONI CURCI 2012 - RREZZO: € 19 – EZZONI I INFORMAZIONI PER IL PUBBLICO: info@edizionicurci.it www.edizionicurci.it

sabato 4 febbraio 2012

Claudio Merico - gli Infiniti linguaggi della Musica

Tratto dal Sito "La Chiave di Violino.Net"



Claudio Merico, violinista classe 1982, diplomato al Conservatorio di Taranto, musicista eclettico e predisposto alle tecniche improvvisative, nel suo giovane percorso ha già sperimentato situazioni musicali di vario genere, dalla classica - assieme ad orchestre sinfoniche- alla popolare, dal rock al blues, dall'etnica.
Già da tempo si dedica alla composizione di colonne sonore per cortometraggi, mediometraggi e documentari che hanno ottenuto riscontri e approvazioni.
Ho rivolto a Claudio alcune domande per completare il suo poliedrico profilo che è senz'altro quello di un artista aperto alla sperimentazione di tutti i linguaggi dell'arte musicale.

La scelta dello strumento ed il tuo approccio al violino sono avvenuti in tenera età o successivamente, per passione, durante la frequenza del Conservatorio?


In realtà sono sempre stato attratto dagli strumenti musicali: ricordo che all’età di 4 o 5 anni, mi regalarono una batteria giocattolo che ruppi molto presto!
Il mio vero approccio alla musica è avvenuto, però, casualmente: in prima media a dieci anni, a causa di un esubero di allievi, mi sono ritrovato in una sezione sperimentale di musica.
Dovetti affrontare un piccolo test attitudinale alla musica e mi chiesero quale strumento mi sarebbe piaciuto suonare.
Io scelsi con grande sicurezza la chitarra come il 95% degli esaminati, il 5% richiedeva il pianoforte; e così mi assegnarono il violino…

CurciJazz-Tecnica moderna di armonia Vol. 1


Le Edizioni Curci nella collana Curci Jazz presentano
Tecnica moderna di armonia  Vol. 1  - Elements
di Gordon Delamont     

Uno studio completo, con considerazioni melodiche, dei fondamenti dell’armonia moderna


Arriva finalmente in Italia il primo volume della celebre serie statunitense Modern Arranging and Composing di Gordon Delamont, irrinunciabile punto di riferimento per una preparazione completa, aggiornata e professionale. Tradotto dalle Edizioni Curci nella collana Curci Jazz con il titolo Tecnica moderna di armonia vol 1 -Elements, il libro è uno studio completo dei fondamenti e delle tecniche contemporanee di armonia.

Gli argomenti – scale, intervalli, accordi, cadenze, progressione degli accordi – sono presentati in maniera semplice ed efficace, con approfondimenti ed esemplificazioni pratiche, utili per un apprendimento rapido della materia, e con esercizi per verificare l'acquisizione delle nozioni esposte. I docenti avranno a disposizione un testo di riferimento per le loro lezioni, studenti e appassionati potranno iniziare e approfondire lo studio dell'armonia, dell'arrangiamento e delle tecniche di composizione attraverso l'approccio stimolante ed entusiasta di un protagonista indiscusso del panorama jazz internazionale.