mercoledì 4 febbraio 2009

I Virtuosi -Violinista: David Oistrakh

David Oistrakh e il mito Russo


Oggi parliamo di un grandissimo violinista (annoverato tra i principali del XX secolo), un punto di riferimento del moderno concetto di “violinismo”. David Oistrakh nato nella fredda ex Unione Sovietica il 30 settembre del 1908 precisamente ad Odessa (nell' attuale Ucraina), ha dato i natali alla grande scuola violintistica russa apprezzata ed invidiata per diversi anni in tutto il mondo. Della sua enorme attività concertistica mi sembra doveroso ricordare almeno i concerti a lui dedicati direttamente dai compositori quali 2 concerti del famosissimo compositore Dmitri Shostakovich e il celebre concerto per violino e orchestra di Aram Khachaturian. Raggiunge la fama in un periodo storico molto particolare, in piena guerra mondiale, viene premiato con due enormi riconoscimenti quali il premio “Ysaye” e il premio “Unione Sovietica”.

Un violinista dalla grande forza e forza d'animo, racchiude in se la più grande razionalità umana, la forza, unita ad un' espressività e ad una comunicatività impressionante che fanno di lui l'emblema della scuola russa. Inarrivabile poiché unico, eroe romantico, umile e coraggioso anche nella vita, come si deduce da diverse biografie, testimonianze e aneddoti, come quando durante una sua esibizione del concerto di Čajkovskij continuò imperterrito la sua esecuzione nonostante le sirene annunciassero l' imminente attacco nazista in città, egli rimase a suonare e il pubblico con lui ad ascoltare.

E' l' artista che più fortemente ammiro, una delle esecuzioni che personalmente preferisco è il suo concerto in D min di Sibelius. Mi impressiona la forza e il coraggio con cui si pone, il suono schiacciante, ma anche la sua dolcezza che denota la personalità di un uomo dal cuore grande e dalla sconfinata umanità, un artista che nella sua vita ha saputo appieno gettare il cuore oltre l' ostacolo.
Claus
p.s
nella barra video potrete vedere i video inerenti al post






il motore di ricerca del violino!

1 commento: