mercoledì 7 aprile 2010

Amplificare il Violino - Sistemi Microfonici



I MICRO MICROFONI PER VIOLINO
Continuamo il nostro viaggio nei sistemi di amplificazione del violino. Nel post precedente abbiamo parlato dei sistemi a pick-up, molto utili soprattutto in condizioni di livelli sonori molto alti, in cui serve molto segnale, senza cadere in problemi di larsen. Il sistema di amplificazione a Pick-up se pure da un lato ci offre una qualità soddisfacente, di contro  non ci da (anche nei casi più virtuosi) mai un suono totalmente naturale, in quanto il suono del violino (almeno come noi lo ascoltiamo) si propaga nell' aria, ed è la risultante del suono e della stanza che lo amplifica naturalmente. Di conseguenza qualsiasi sistema che cattura la vibrazione del ponticello (come un pick-up appunto) e la trasforma in segnale elettrico, inevitabilmente ci offrirà un suono "parziale", perchè privo della componente ambientale. Per ovviare a questo problema (quando non  richiesto un segnale troppo elevato e non si suona in ensamble con strumenti dal volume elevato ) possiamo indirizzare il nostro interesse verso un sistema microfonico a condensatore, il quale catturerà il suono del violino e la sua amplificazione nell' ambiente. Vi sono moltissimi modelli di (micro) microfoni a condensatore per violino.  Molto fedele ed interessante è sicuramente lo svedese "DPA - 4098" e 4060". Un  microfono omnidirezionale con una dinamica e una fedeltà elevatissima che si applica con un pratico sistema in sospensione, direttamente sotto la cordiera. Un altro microfono interessante è quello di "SD Sistem -LCM11PL". Un condensatore che si fissa sulla cordiera e con un braccetto mobile si orienta lungo la effe alla distanza desiderata. Poi abbiamo  l'archetto per voce della "Shure" il "Beta53". Ho avuto occasione di provarlo in teatro, con ottimi risultati; se pur concepito come microfono vocale, posso dire per esperienza personale, che ha un ottimo utilizzo anche applicato al  violino . Vi sono inoltre anche, "Sanken COS-11" e lo "Shertler A-DYN" magnetodinamico. Tutti questi sistemi garantiscono ottime prestazioni ed un suono molto fedele e naturale; il loro punto debole ( come in  tutti i condensatori) sono i larsen. Ovvero, a causa della loro sensibilità, non sono indicati per situazioni con volume molto elevato; in ensamble con strumenti  prestanti quali percussioni e batteria.  La loro elevata sensibilità finisce con il "catturare" anche i suoni circostanti degli altri strumenti, istaurando larsen e fischi sul palco. In ogni caso amplificare un violino è un operazione molto delicata e poco economica specialmente se si opta per soluzioni professionali quali quelle sopra elencate. Il prezzo base diquesti sistemi non è inferiore alle 300-400 Euro ed è molto importante prima di lanciarsi in un acquisto di questo tipo, inquadrare bene le proprie necessità e bisogni.

Amplificare il Violino  parte 2


Sul Forum di ViolinistiNet
è attiva una discussione su questo argomento!


3 commenti:

  1. Ciao sono il microfonista di un'orchestra del sud Italia, volevo un vostro parere:
    Cosa ne pensate dell'utilizzo dell'sm 11 della shure? E' un dinamico con capsula omnidirezionale, risolve proprio il problema dei larsen in situazioni live dove è necessario confrontarsi con pressioni sonore notevolmente maggiori a quella dei violini, batteria, percuasioni basso elettrico ecc... E' un microfono vocale lavalier studiato per la voce, qualcuno di voi violinisti saprebbe darmi un parere? Ai violini vengono applicati con delle semplici clips a trappo, ma sto pensando di applicare i supporti adatti della dpa...ovviamente il prezzo è notevolmente inferiore ai DPA. Grazie

    RispondiElimina
  2. ViolinistiNet

    Sinceramente credo che i sistemi elencati nel post sopra siano i principali e piu' efficaci, ciò non toglie che sperimentare non fa mai male, specialmente per chi puo' farlo senza dovr acquistare a scatola chiusa dei microfoni. Vista l' esperienza del beta 53 ti dico, prova verifica il suono..
    certo la cosa importante oltre alla qualità, è che il microfono non sia invasivo per il musicista. Per l' orchestra il top è e rimane DPA, certo, ha i suoi costi..
    saluti
    Claus

    RispondiElimina
  3. La DISCUSSIONE E' STATA TRASFERITA NEL FORUM DI VIOLINISTINET
    ECCO IL LINK

    http://violinistinet.forumitalian.com/amplificare-il-violino-acustico-f4/amplificare-un-violino-t2.htm#25

    IL FORUM E' GRATUITO E NON RICHIEDE ALCUNA ISCRIZIONE..
    CHE FAI? CI RAGGIUNGI?

    RispondiElimina