sabato 4 dicembre 2010

Ida Haendel - Una Violinista Leggendaria

tratto dalla rivista online: AmadeusOnline.net


Ida Haendel, pupilla di Sergiu Celibidache, sarò in Italia a dicembre per due concerti a Rimini e Verona


Ida Haendel

È stata la violinista preferita del grande Sergiu Celibidache, che la definì «la più grande virtuosa del violino al mondo». La leggenda del violino Ida Haendel arriva dagli Stati Uniti in Italia per due esclusivi appuntamenti, occasione unica per sentirla suonare dal vivo.

Domenica 5 dicembre alle 21 presso il Teatro Ermete Novelli di Rimini (via Cappellini 3), nel cartellone dei Concerti della domenica della Sagra Musicale Malatestiana, Ida Handel suonerà in duo con il pianista Francesco Libetta, applaudito calorosamente nell'edizione 2010 della Sagra Malatestiana nei due appuntamenti che lo hanno visto protagonista, ovvero il "Canto d'amore e morte dell'Alfiere Cristoph Rilke" e la Maratona pianistica Godowsky-Chopin. In programma la "Ciaccona" di J. S. Bach, la "Sonata nr.8 in sol maggiore per violino e pianoforte op.30" di L.v.Beethoven, la "Sonata n.2 in do minore per violino e pianoforte op.121" di R. Schumann e "Gypsy Airs" di P. De Sarasate.
Il concerto, offerto alla città per volere e in ricordo di Minnie Torsani, è ad ingresso libero su invito. L'invito è ritirabile presso il Teatro Ermete Novelli da mercoledì 1 dicembre dalle ore 10,00 alle ore 14,00 fino ad esaurimento dei posti disponibili. Si potranno ritirare non più di due inviti a persona.
Per informazioni: Istituzione Musica Teatro Eventi – Via Gambalunga 27- Tel. 0541.704294-93
Teatro E. Novelli via Cappellini 3 – Tel. 0541.24152

Martedì 7 dicembre si sposterà invece a Verona dove dalle 17.30 sarà ospite del Conservatorio di Musica "E. F. Dall'Abaco" per una lezione concerto dedicata agli
studenti ma aperta anche al pubblico.

Nata in Polonia il 15 dicembre del 1928, enfant prodige del violino negli anni Trenta, Ida Haendel è una leggenda senza tempo della musica del nostro tempo. Ammessa a soli 7 anni al Conservatorio di Varsavia, fu allieva a Parigi di due mostri sacri come Carl Flesch
and George Enescu. Durante la Seconda Guerra Mondiale suonò nelle fabbriche e per le truppe inglesi e americane. La sua carriera decollò dopo la Guerra fino a raggiungere una fama paragonabile solo a quella di grandi violinisti come Yehudi Menuhin and Isaac Stern. La sua interpretazione del Concerto di Sibelius per violino e orchestra è ancora considerata una delle migliori sul mercato. Lo stesso compositore dopo averne ascoltato alla radio l'interpretazione di Ida Haendel, le inviò un biglietto di congratulazioni lodando il suo lavoro. Nel 1992 la Società Sibelius la insignì della Medaglia Sibelius come riconoscimento per sua raffinata interpretazione. Ida Haendel coltiva da sempre una passione per la musica tedesca: nel 1948-49 ha registrato il Concerto per violino di Beethoven con la Philarmonia Orchestra diretta da Rafael Kubelik. Altri grandi successi discografici sono le sue interpretazione Concerto per violino di Brahms con la London Symphony Orchestra diretta da Sergiu Celibidache e il Concerto per violino di Tchaikovsky con la National Symphony Orchestra diretta Basil Cameron Nel 1993 ha debuttato concerto con i Berlin Philharmonic. . Nel 1991 Ida Haendel è stata nominato Comandante dell'Ordine dell'Impero Britannico (CBE). La star del violino Anne-Sophie Mutter tiene in grande considerazione i suoi giudizi e Maxim Vengerov la stima con timore reverenziale. Ida Haendel vive a Miami, in Florida, dove è attivamente coinvolta nel Miami International Piano Festival.

Nessun commento:

Posta un commento